http://www.civiltadelmare.it

Inaugurazione dell’Open View "Sulle rotte dei tonni"

Si è svolta l’11 giugno scorso l’inaugurazione dell’ Open View “Sulle rotte dei tonni”.

Anche quest’anno il Centro Studi sulla Civiltà del Mare, in collaborazione con il Comune di Stintino, ha organizzato un‘Open view per le vie del paese, dando così seguito all’evento dello scorso anno quando furono esposte le gigantografie di alcune cartoline, tratte dal volume di S. Rubino ed E. Ughi, Stintino. Cartoline sul filo della memoria, EDES, Sassari, 2010. Le immagini ancora visibili sulle case rappresentano una “fonte” storica preziosa e importante, che fissa momenti, fatti, luoghi, attività come quella della pesca del tonno, diventata solo un ricordo sbiadito.
Proprio la pesca del tonno, che ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo socio economico del paese di Stintino, ma che oggi pochi ricordano, è il tema dell’Open View di quest’anno che, seguendo le rotte dei tonni, conduce nel più ampio panorama dello storico rapporto uomo-mare nel Mediterraneo, caratterizzato dall’esperienza tramandata di padre in figlio, dalla creazione di quel complesso di conoscenze
che, costruite sulla memoria di successi e insuccessi, di sacrifici e conquiste, fanno comprendere la ricchezza e la complessità di una civiltà che affonda le sue radici in un passato millenario.
Lungo le vie di Stintino sono esposte le gigantografie che raffigurano scene delle tonnare sarde di Stintino (Sassari) e di Carloforte (Carbonia-Iglesias) e della tonnara siciliana di Bonagia (Trapani). Le fotografie sono dei fotografi dell’Associazione Acquamarina, dell’Archivio Storico della Tonnara Saline, di Ninni Ravazza, di Salvatore Rubino e di Beppe Anfossi.
Pescatori, tonni, tonnare, riti, simboli, luoghi, vita, sofferenza, intelligenza, lavoro… Quante volte se n’è discusso spiegandone significati, gesti e procedimenti. Quante volte se n’è riproposto il ricordo attraverso mostre, convegni, pubblicazioni… Molti potrebbero affermare che tutto è stato detto, capito e divulgato. Non è così. Prima di tutto perché si continua a essere affascinati dalla complessità e dalle sfide del lavoro dell’uomo sul mare e per il mare; in secondo luogo perché l’intento è di mantenere sempre vivo l’interesse su questa pagina di storia stintinese e mediterranea. Solo così infatti questo patrimonio materiale e immateriale potrà salvarsi dall’oblio e dalla globalizzazione continuando a trasmetterci il suo forte messaggio etico.
Tutte le attività inerenti il mondo della tonnara, con i molteplici aspetti culturali, scientifici e gastronomici, fanno di Stintino un vero e proprio “paese laboratorio”, rendendolo un modello unico nel Mediterraneo per la diffusione della cultura e della civiltà del mare.

Il Centro Studi sulla civiltà del Mare e per la Valorizzazione del Golfo e del Parco dell’Asinara ringrazia i proprietari delle abitazioni che hanno consentito l’esposizione delle gigantografie.

L’Open View è stata curata da Salvatore Rubino ed Esmeralda Ughi
Realizzazione grafica: Antonella Canu
Organizzazione: Centro Studi sulla Civiltà del Mare e per la Valorizzazione del Golfo e del Parco dell’Asinara
Per informazioni:
info1centrostudistintino@gmail.com

Open view 1                            Open view2

 

Rassegna stampa

http://www.stintinonotizie.it/cronaca-stintino/%E2%80%9Cincontri-stintinesi%E2%80%9D-tra-foto-e-libri-la-storia-di-stintino-open-view-per-le-vie-del-paese/

http://www.tabularasasassari.com/?p=499

http://notizie.alguer.it/n?id=41676

http://www.stintinonotizie.it/cronaca-stintino/la-storia-e-le-tradizioni-di-stintino-tra-gigantografie-e-libri-gemellaggio-tra-le-pro-loco-di-stintino-e-san-vito-lo-capo/#more-14341

http://sardies.org/index.php?option=com_content&view=article&id=8114%3Ala-storia-di-stintino-tra-fotografie-e-libri&catid=31%3Astintino&Itemid=46

http://ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2011/06/24/SCXPO_SCX02.html?ref=search

I commenti sono disabilitati.